Apertura al pubblico: da Lunedì a Giovedì 8:00/12:00 - Lunedì e Mercoledì 14:00/17:00 - Venerdì solo su appuntamento

Come pagare meno tasse grazie al TFR

Libera la tua azienda dalla gestione del TFR e risparmia fino all’11%

TFR in azienda

C’era una volta il TFR in azienda, un imprenditore indaffarato e molte tasse da pagare. L’imprenditore decise di assumere più dipendenti e delegare parte del lavoro, il TFR lo mise in un fondo pensione e questo gli permise di risparmiare un 11%.

Fine della storia.

Cosa è successo al TFR in azienda?

Quando in Italia c’erano meno problemi di liquidità delle aziende, quando i dipendenti iniziavano a lavorare dopo l’università e mantenevano il proprio posto di lavoro fino alla pensione e quando c’erano anche meno… ah, no… questo no. Beh, diciamo quando l’economia era più stabile, si poteva anche “rischiare” di più. Oggi, però, un buon imprenditore dovrebbe essere più previdente e cauto. Proprio per questo, allora, è giusto anche parlare di previdenza.

Il TFR, protagonista del racconto di oggi, prima poteva starsene su un conto aziendale in attesa di essere liquidato, oggi è meglio (anzi, conveniente) versarlo in un fondo pensione. Non un fondo pensione qualsiasi, ma uno che ha nome e cognome dell’azienda che lo sottoscrive e che è dedicato ai suoi dipendenti. Perché?

Ecco 5 buone ragioni:

  1. Deducibilità dal reddito d’impresa
    I versamenti del TFR nel fondo pensione (quello chiuso o anche detto “di categoria”) sono deducibili dalle tasse. La deducibilità è pari al 4% in aziende con più di 50 dipendenti e al 6% in aziende con meno di 50 dipendenti.
  2. Esonero dal versamento del Fondo di Garanzia del TFR
    L’azienda non versa più nel fondo INPS o nel fondo tesoreria.
  3. Riduzione degli oneri impropri
    Vale a dire contributi per maternità, disoccupazione o assegni familiari (0,28%). L’azienda, di conseguenza, non dovrà rivalutare questi importi, poiché ci pensa il fondo.
  4. Contributo di solidarietà
    Sui contributi versati nel fondo pensione, si paga solo il contributo di solidarietà del 10% e non anche gli altri oneri previdenziali.
  5. No difficoltà di cassa
    Se un dipendente lascia l’azienda improvvisamente sarà il fondo ad occuparsi della liquidazione, senza intaccare la cassa aziendale. La cifra può arrivare anche a 40.000 €, che per una piccola azienda può essere una somma importante. Sottoscrivendo, però, un fondo pensione chiuso, nel giro di 30 giorni il dipendente (o ex…) si troverà l’accredito del TFR che gli spetta sul proprio conto corrente.

La tua azienda conserva ancora il TFR? Vuoi adottare una nuova strategia, più sicura e conveniente?

È sufficiente scrivermi a riccardo@riccardobelletti.it e ti mostrerò come attuare i 5 punti descritti. Anche la tua azienda si merita di risparmiare fino all’11%!

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy

Newsletter

Iscriviti alla newsletter "Ieri Oggi Domani" per ricevere, ogni lunedì, aggiornamenti e approfondimenti dal mondo economico-finanziario.

Iscrivendomi alla newsletter acconsento all'invio di comunicazioni di tipo commerciale.