Apertura al pubblico: da Lunedì a Giovedì 8:00/12:00 - Lunedì e Mercoledì 14:00/17:00 - Venerdì solo su appuntamento

Investire in azioni ai tempi del Coronavirus si può

Questo post è dedicato alle persone che comperano le azioni in un’ottica di investimento; chi invece fa trading, in questo momento, ha altre visioni.
Tra il 17 ed il 31 di Gennaio il Coronavirus ha preso sempre più piede e le borse sono scese, parecchio anche. 

Alcuni miei clienti mi hanno chiamato per chiedermi cosa fare, come muoversi. A tutti ho risposto che l’investimento azionario per essere sicuramente profittevole non va visto nel breve, ma nel lungo periodo. Nessuno ha disinvestito e già oggi si trovano un patrimonio maggiore rispetto a quel periodo.

In un mondo interconnesso, come è quello di oggi, le persone potrebbero svolgere alcuni lavori tranquillamente da casa anche se in buona salute? Sì.

Questo grazie alla TECNOLOGIA.

Grazie alla tecnologia, oggi le persone potrebbero svolgere alcuni lavori tranquillamente da casa.

Quali sono i settori che potrebbero beneficiare maggiormente dell’impulso dato dalla tecnologia?

Secondo te, quello collegato alla old economy o quello collegato alle nuove attività? Sicuramente le aziende che potrebbero avere benefici da questo stato di crisi sono quelle che riflettono sulla propria efficienza e sulla SOSTENIBILITA’.

Quando l’attuale emergenza sanitaria terminerà, perché prima o poi terminerà… Le persone torneranno prima di tutto a produrre e poi a consumare. I settori più digital non si fermano, chi è legato al manifatturiero invece è più vincolato.

Ed allora, è meglio investire in una obbligazione che da un rendimento, oggi nel 2020, molto basso o negli utili di una azienda che a breve ricomincerà a produrre? Ovviamente il secondo caso. Basterà individuare un pacchetto di azioni che rispetti queste caratteristiche. 

Ho incominciato la mia attività di consulente finanziario 15 anni fa e l’esperienza acquisita in più di un decennio, mi dice che:

è tempo di investire quando al telegiornale dicono: “bruciàti 10 miliardi di euro!!”

Certo, sempre meglio aprire la finestra e dare un’occhiata fuori… se non si vedono incendi e non si sentono sirene dei pompieri… è arrivato il momento di comperare qualche azione… perché se gli impauriti vendono, gli audaci (che poi sono quelli che guadagnano) comperano.

L’anno scorso ho organizzato 10 incontri, tra Marcaria e Sermide per parlare proprio di queste tematiche: sostenibilità e tecnologia. Due cavalli di battaglia fondamentali oggi e domani.

Il vantaggio di investire in azioni è proprio questo: cavalcare dolcemente ed in tutta tranquillità verso praterie verdi un po’ come se fossimo Tex Willer.

Le azioni staccano un dividendo. Il dividendo è il frutto che le azioni danno agli azionisti. Le obbligazioni, invece, come frutti danno le cedole. 

Come scrive il Corriere delle Sera di lunedì 24 Febbraio, le azioni quotate a Piazza Affari quest’anno daranno un dividendo simile a quello dell’anno scorso, cioè del 5%.

Le azioni non staccano le cedole, ma i dividendi!

I dividendi sono i “frutti” che l’azienda in cui si è investito mi riconosce una volta all’anno e diventano per me o per te che siamo i possessori dell’azione un’entrata finanziaria da poter spendere o reinvestire. I dividendi sono di solito annui e servono a remunerare l’azionista. Una azienda sana stacca dividendi e vede anche salire il suo valore in Borsa rendendo ancora più felice l’azionista in quanto oltre ad avere una entrata periodica vede anche salire il valore dei propri risparmi.

Un altro vantaggio del dividendo è l’azienda quando fa questo ti da un pezzo di capitale, quindi un pezzo del valore dell’azienda…praticamente ti da una parte del suo valore di Borsa.

Un esempio pratico

Ho comperato un’azione a 10 euro, col tempo sale a 12 ed una volta che è a 12 mi stacca un dividendo di 1. Cosa succede? Il prezzo dell’azione dopo il dividendo scende a 11 e mi trovo 1 sul conto corrente. 11+1 fa 12 il mio valore iniziale. Ok…non ho calcolato la tassazione.

Come puoi vedere il fatto che stacca il dividendo mi tutela perché tale incasso mi attutisce eventuali perdite dovute alle oscillazioni di Borsa. Potrei ad esempio scendere a 10, ma ho già incassato 1 come dividendo.

Cercare il periodo in cui le azioni sono scese a causa della comparsa del coronavirus

Le azioni le posso tenere per poco tempo ( volendo anche per un minuto) o le posso tenere per 20 anni. Sì, sempre le stesse! Se le compero e dopo poco le vendo faccio trading, se invece le tengo per tanto tempo divento un cassettista, le metto nel cassetto e me le dimentico.

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy

Newsletter

Iscriviti alla newsletter "Ieri Oggi Domani" per ricevere, ogni lunedì, aggiornamenti e approfondimenti dal mondo economico-finanziario.

Iscrivendomi alla newsletter acconsento all'invio di comunicazioni di tipo commerciale.